Le pagelle della Cavese: capolavoro di Urso, Troest polivalente.

Le pagelle della Cavese: aquilotti oggi senza insufficienze, autori oggi di una prestazione maiuscola. Si sblocca Foggia, primo gol per Troest.
03.12.2023 20:07 di Manuel Senatore Twitter:    vedi letture
Le pagelle della Cavese: capolavoro di Urso, Troest polivalente.

Larga vittoria della Cavese, che supera la Boreale senza grosse difficoltà con il punteggio di 4-1. Di seguito le pagelle degli aquilotti:

Boffelli 6.5: un unico grande intervento da parte del portiere, che evita un clamoroso vantaggio degli ospiti al 31'. Per il resto ordinaria amministrazione, aiutato anche da una super difesa. UNO MA BUONO.

Troest 7: il vichingo aquilotto giganteggia quest'oggi su tutti i fronti: in difesa non ce n'è per nessuno, solita sicurezza ed esperienza. Quando la pressione della Boreale aumenta, eccolo che svetta in attacco, insaccando la rete del 2-1: primo gol con la casacca blufoncè, partita riportata sui binari giusti. Come si suol dire...LA MIGLIOR DIFESA È L'ATTACCO.

Magri 7: forma smagliante per l'ex Nocerina, autore di una prestazione maiuscola al centro della difesa. Unica pecca, la rete subita, dove si perde la marcatura di Di Vico, in ogni caso inutile ai fini del risultato finale. (dall'85' Buschiazzo: SV)

Derosa 7: stesso discorso adottato per Troest: impeccabile nella manovra difensiva, efficace in quella offensiva. È suo infatti l'assist per il difensore danese, fondamentale per riportare la Cavese in vantaggio. Stupisce sempre di più la costanza di rendimento, altissima sin dalla prima giornata. COSTANTE. 

Sette 6: non brilla come nelle ultime gare. La difesa della Boreale riesce a disinnescare spesso le sue sortite offensive, disputa comunque una buona partita.

Urso 7: divide il ruolo con Zenelaj, donando qualità e copertura alla mediana blufoncè. L'intesa con il collega di reparto prende forma anche in zona offensiva, dove riceve palla direttamente da calcio d'angolo: una rete tanto bella quanto complicata, un capolavoro balistico. 

Zenelaj 7: sontuoso, gioca una partita perfetta sotto tutti i punti di vista. Detta i ritmi al centrocampo, serve l'assist del 3-1 a Urso e dimostra di essere imprescindibile per questa squadra. Il suo futuro vede solo luci all'orizzonte. PROFESSORE.

Polanco 6: solita partita per l'esterno metelliano: polmoni d'acciaio, tanti i chilometri percorsi, conditi da diversi errori in fase di appoggio o di copertura. Vicino al gol, non riesce a inquadrare lo specchio, sarebbe stato un gol meritato. (dall'82' Fraraccio: SV)

Addessi 6.5: il numero 11 aquilotto è una costante spina nel fianco per la difesa della Boreale. Sempre propositivo in zona offensiva, passa da esterno a seconda punta senza variare il proprio rendimento. PIMPANTE. (Dal 65' Antonelli 6.5: entra nella ripresa, fa da raccordo fra il centrocampo e l'attacco. Gli viene annullato un gol che ai più sembrava regolare, ma la sua presenza c'è e si avverte.)

Foggia 7: il capitano torna finalmente al gol, risultando freddissimo dal dischetto. Siamo a 5 reti in campionato, l'Airone si conferma la solita certezza per questa squadra. FINALMENTE DECOLLATO. (Dal 55' Di Piazza 7: vivace sin dal suo ingresso in campo, mette in costante apprensione i difensori avversari. Trova la rete con un delicatissimo pallonetto, purtroppo annullatagli per un fallo. Si rifà pochi minuti dopo, superando il portiere avversario in dribbling e depositando la sfera in rete. Siamo già al quarto gol dal suo arrivo a Cava, media realizzativa altissima, viste le poche presenze. CECCHINO.

Felleca 6.5: chissà che partita avrebbe disputato se fosse rimasto in campo. Gli sono bastati 11' per procurarsi il rigore trasformato poi dall'Airone, deve purtroppo uscire al 20' per un infortunio. (dal 20' Konate 6.5: la piovra del centrocampo cavese non si smentisce nemmeno quest'oggi: una marea di palloni recuperati, alleggerisce il compito ai due player coprendo loro le spalle.)

Cinelli 7: altro giro, altra vittoria. Schiera un offensivo 3-4-3, tramutatosi in 3-5-2 con l'uscita di Felleca. La squadra subisce la pericolosità della Boreale per soli 10 minuti, poi lascia le briciole agli avversari. La maturità raggiunta dal gruppo è uno dei grandi meriti del mister, siamo a undici risultati utili consecutivi. Il piatto è pronto, poker di gol, serve lo chef Cinelli...